Marlene Dumas

Marlene Dumas è una artista sudafricana, nata a Città del Capo nel 1953. Passo la sua infanzia a Kuilsrivier in Sud Africa, Si laureò in Arti visive presso l’Università di Città del Capo nel 1975.

Ricevette una borsa di studio di due anni e si trasferi nei Paesi Bassi. Dal 1976 al 1978, insegnò presso: Ateliers ’63, Haarlem e altri istituti olandesi. Si è dedicata a rappresentare scene o figure provenienti da archivi di proprie fotografie, giornali e riviste. Le sue opere sono ritratti autentici della privacy in piccoli formati, spogliati dal loro ambiente pubblico, sempre con un identità critica politica. I suoi pezzi figurativi sono trappole che provocano inquietudine, un linguaggio del movimento che si manifesta in ogni figura. Disegna con insistenza, i volti e l’ambiguità di bambini e adulti vivi e morti.

Dumas rappresenta un’interpretazione grafica, con scarabocchi selezionati o evidenziati, creando il senso di tutti i colori. Le sue opere prodotte con più di trenta anni di esperienza, sono state presentate in una retrospettiva tra il 2007 e il 2009 denominato “Relazioni intime”.

Naomi

Marlene Dumas nel 1998 ha ricevuto il Premio Sandberg, insieme ad altri premi tra cui il Premio d’Arte Contemporanea Coutts e il principe Bernhard. Nel 2010 l’Università di Rodi Grahamstown, in Sud Africa, gli ha conferito un dottorato ad honorem dalla Facoltà di Lettere e filosofia e nel 2011 ha ricevuto il Rolf Choque Prize. Le sue creazioni fanno parte delle collezioni istituzionali in musei internazionali, come il Centre Pompidou di Parigi o la Tate Gallery. Ha iniziato ad esporre nel 1978 allo Stedelijk Museum, di Amsterdam. La sua prima mostra personale è stata nel 1983 e un anno dopo presso il Museo Centrale del Utrecht. Presentó una serie con i collage, opere e testi di sua creazione “Ons Land Licht Lager dan de Zee”, ma fu solo nel 1985 quando espose i suoi dipinti “Occhi delle creature della notte”. Participó alla mostra d’arte europea presso la Tate Gallery di Londra nel 1987. Il suo lavoro è stato conosciuto in Europa e in America nel 1989 con lo spettacolo

” La questione della rosa umana”.

The Widow 2013

Con artisti contemporanei come Gerhard Richter Der Spiegel era parte di zerbrochene nel 1993, e anche esposto a Londra nel Frith Street Gallery noto con Thomas Schüttey Juan Muñoz. Ha rappresentato l’Olanda alla Biennale di Venezia nel 1995 insieme ad altre due donne, María Roossen e Marijke van Warmerdam. Ha partecipato a importanti mostre di pittura collettiva in Africa e in altri paesi, con “La pittura al bordo del mondo” nel 2001 e “La pittura di vita moderna” nel 2007. L’ultimo decennio ha eccelso esporre in città come Chicago, Venezia, Tokyo , Parigi o New York tra gli altri. Dumas è definito come “collezionista di immagini”. Campioni come “Models” a Salisburgo e “Suspect” a Venezia, presentano immagini di pubblicità, modelli, cadaveri e oggetti che diventano uno spettacolo.

autoritratto
detail

Raggruppati in categorie, le loro opere sono nature artificiali, parodie, decostruzioni o commenti, che sono disegnati e dipinti in acquerello o tempera. Uno dei suoi pezzi è stato venduto per $ 2 milioni, dal titolo “Mia madre prima che lei è diventata la mia madre” nell’anno 2011.Actualmente ha fissato la sua residenza ad Amsterdam, Paesi Bassi, dove continua il suo lavoro artística.Marlene Dumas presenta sotto il titolo “l’immagine come Burden” dal settembre 2014 al gennaio 2015 lo Stedelijk Museum di Ámsterdam.Es un grande pittore e artista, sottolineando il corpo umano e il valore psicologico, pittura persone dalla nascita fino alla morte. Il ciclo della vita manifesta le sue idee sul sociale, sessuale o razziale.

modelli
relazione intima

Conserva le apparenze senza concludere, con tratti di disegni leggeri, quasi nascosti, forse drammatici. Dumas esprime immagini prese in prestito, rendendole confuse all’interno di un terreno oscuro. I titoli delle sue opere comprendono il suo design grafico e il suo linguaggio esplicito, in cui il ritratto di solito funziona, oltre al nudo che arrossisce quando contempla le sue figure espressive. Marlene Dumas dice della sua arte: “ciò che è in gioco … non è il medium artistico o il suo soggetto, ma la motivazione degli artisti, che sono diventati sospettosi”.

Mandela 2008
Wall weeping

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...